Molo Sud e Molo Nord Porto di San Nicola Isole Tremiti

< Back to case studies

Client Comune di Isole Tremiti e Rodi Garganico

Location Isole Tremiti

Status in corso

Molo Sud e Molo Nord Porto di San Nicola Isole Tremiti

Progettazione definitiva ed esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, direzione lavori.

Il progetto prevede la progettazione di nuove strutture per “il completamento e il miglioramento della destinazione d’uso del molo sud e del molo nord dell’area portuale di San Nicola”.

Gli interventi utili a questo progetto prevedono un’ottimizzazione e fruizione della banchina sud attraverso una diversa e più sicura configurazione della parte terminale del molo con la previsione di un’estensione di circa 15 metri, tale configurazione consentirà l’attracco dei vettori provenienti dal Gargano senza che questi intralcino le imbarcazioni delle cooperative locali. Anche la banchina nord dovrebbe essere fruibile abbassando il livello attuale al di sopra del livello medio del mare e consentendo alle navi di Tirrenia di attraccare con altre imbarcazioni, il tutto in piena sicurezza.

È stato svolto uno studio meteo-marino per definire le onde di progetto, utilizzando metodi statistici per elaborare i dati delle onde e del vento. Il secondo passo della progettazione delle nuove strutture, banchina nord e banchina sud, è stato svolto utilizzando due strutture diverse, la struttura in calcestruzzo per costruire la banchina e i massi naturali per costruire la scogliera.

Per consentire un attracco sicuro si stanno progettando bitte per l’ormeggio e impianti idrici ed elettrici.

L’obiettivo principale è stato il completamento e miglioramento della fruizione del molo sud e del molo nord dell’area portuale di San Nicola nel comune di Isole Tremiti. L’intervento ha  lo scopo di migliorare l’utilizzo del Molo Sud e la completa fruizione del Molo Nord che attualmente ha la sola funzione di opera di difesa dal moto ondoso. Lo studio, e la successiva conoscenza delle azioni meteo marine, ha permesso di dimensionare le strutture e verificare che queste, in funzione della tipologia scelta, rispettino i parametri di sicurezza previsti dalla normativa vigente.

Uno specifico Studio di Impatto Ambientale è stato svolto sulle biocenosi ad Alghe Fotofile, sulle sabbie fini calibrate (SFBC) e sulla biocenosi delle Posidonia Oceanica.

Dagli studi è emerso che nonostante la realizzazione delle opere non comporterebbero alterazioni ambientali, a fronte della necessità di assicurare la sicurezza degli isolani e di quanti operano in mare,

nonché di garantire loro una migliore qualità della vita, l’intervento in mare debba prevedere anche azioni adeguate alla salvaguardia dell’ambiente marino ed in particolare della biocenosi costituita

dalle praterie di Posidonia oceanica, prevedendo quindi il reimpianto delle praterie della Poseidonia.