Intervento di riduzione del rischio idraulico lungo il Fiume Nera tratto Terni /Narni

< Back to case studies

Client Consorzio di Bonifica del Tevere Nera

Location Umbria

Status in corso

Intervento di riduzione del rischio idraulico lungo il Fiume Nera tratto Terni /Narni” 

Rilievi topografici, studio idraulico, PFTE e progettazione definitiva finalizzati alla riduzione del rischio idraulico ed alla difesa delle aree a rischio idraulico

R3 -elevato- ed R4 – molto elevato-

Il progetto prevede la riduzione del rischio idraulico lungo il fiume Nera nel tratto Terni-Narni, tra il ponte di collegamento tra la località Maratta e la superstrada E45 e il ponte di Augusto (Narni). Per la portata di piena di progetto si è assunto il valore di 620 mc/s (QTr=200 anni) ipotizzata costante lungo tutto il tratto in esame. In particolare, gli interventi previsti riguardano la messa in sicurezza idraulica delle aree classificate a rischio R3 o R4 dall’Autorità di bacino del fiume Tevere. Nello specifico sono: l’area industriale di Narni (Carbon Spa e Tarkett Group), la strada SS.3 e aree limitrofe per uno sviluppo di circa 2,5 km e le aree con attività produttive adiacenti alla SP 24 (Maratta Bassa).

La finalità dell’intervento consiste nella riduzione del rischio idraulico delle aree potenzialmente allagabili dal fiume Nera e caratterizzate dalla presenza di edifici privati, commerciali, industriali ed infrastrutture. Lo studio idraulico ha riguardato le simulazioni del deflusso di piena per il tratto del Fiume Nera compreso tra Terni centro e la zona industriale di Narni sulla base di studi idrologici ed è stato redatto sulla base di un modello digitale del terreno (DTM) ricostruito utilizzando i rilievi topografici disponibili ed opportunamente integrati con l’apposita campagna topografica. La valutazione delle aree inondabili è stata effettuata utilizzando il codice di calcolo HEC RAS 6.1, sviluppato dall’US Army Corps of Engineers applicando un modello 1D – 2D integrato, cioè costituito da un modello monodimensionale (1D) in alveo e da un modello bidimensionale (2D) nelle aree inondabili.

Le “tipologie” di intervento sono:

  • nuove arginatura in terra e armate
  • potenziamento delle arginature esistenti
  • arginatura in terre armate, in sostituzione degli argini in terra esistenti
  • muro di contenimento in c.a., con pali di fondazione;
  • terre armate
  • muro di contenimento in c.a. (senza pali di fondazione)
  • sopraelevamento strada asfaltata
  • sopraelevamento strada sterrata